eBoy dovrebbe essere in realtà eBoys, perchè dietro questo nome si celano Steffen Sauerteig, Svend Smital e Kai Vermehr, tutti e 3 di Berlino. Sul loro sito ci dicono soltanto che loro fanno oggetti in pixel-art “riutilizzabili” coi quali creano complicati complessi (perdonate il gioco di parole) urbani e toys.

Devo dire che personalmente li adoro (sia io che Danilo teniamo appesa in ufficio una stampa di una loro città). Mi piace molto la pixel-art  che potremmo definire “classica”, cioè quella isometrica e i loro lavori trovo che ne siano una delle massime espressioni. E non sembro essere l’unico a pensarla così, perchè tra i loro clienti leggiamo alcuni nomi del calibro di: Coca cola, Adidas, Adobe, Amazon, Computer Arts, Honda, Kellogs, Levi’s, Microsoft, Mtv, Nestlè, Nike, Pepsi, Renault, RollingStone, The New York Times… Che dire? Nulla, basta guardare.

eBoy, pixel art superstars

eBoy, pixel art superstars

eBoy, pixel art superstars

eBoy, pixel art superstars

eBoy, pixel art superstars

eBoy, pixel art superstars

eBoy, pixel art superstars

eBoy, pixel art superstars

eBoy, pixel art superstars


Christian Aid TV commercial from cow6oy on Vimeo.

Per i toys vi rimando ad un articolo che faremo a breve, ma se proprio morite dalla curiosità li potete trovare sul loro sito dove troverete anche tutte le illustrazioni e gli elementi che le compongono (in formato png) con tanto di suddivisione in categorie.

eBoy, pixel art superstars

TEST