Mariel Clayton and Barbie killed KenMariel Clayton and Barbie killed Ken

Mariel Clayton is a self-taught photographer. In an action figures shop in Tokyo she had the vision of the world where all those dolls’ stories happen, and she wanted to visit it and take photos. Her main character is the most famous doll of all times: Barbie, that after throwing away (literally, very often) her fashion victim clothes, become executioner and gives vent to her bound violence on Ken. And, admit it, you’d do it too!

Mariel Clayton è una fotografa autodidatta. In un negozio di action figures di Tokyo ha avuto la visione del mondo dove le storie di quei personaggi accadono e ha voluto visitarlo e fotografarlo. La sua produzione ruota principalmente attorno alla più famosa bambola di tutti i tempi: Barbie, che gettati i panni (spesso nel vero senso della parola) della fashion victim passa alla parte di carnefice, sfogando le più inquietanti perversioni su Ken. E diciamocelo, chi non lo farebbe?

She says: “ (I’m) A Doll Photographer with a subversive sense of humour. I believe that life is an hysterically messed up place, and if we don’t laugh at it, we’ll never understand it. I didn’t have a hard childhood, I was never abused, I’m not an ‘evil, dark or psychologically scarred’ person. I just think what I do is damn freaking funny – and I like to share the humour with people.

Her tool:

Canon 50D.

Lenses are:
50mm Prime
17-40mm Wide Angle
10-17mm Fisheye
75-300mm Zoom.

430EX II Speedlight.

[thanks to Susanna]

Dice di lei: “ (Sono) Una fotografa di bambole dal senso dell’umorismo sovversivo. Credo che la vita sia un luogo incasinato ed isterico, e se non ne ridiamo non saremo mai in grado di capirla davvero. Non ho avuto un’infanzia difficile, non ho subito abusi, non sono nè cattiva, nè dark nè psicotica. Credo solo che quello che faccio sia dannatamente divertente – e voglio condividerlo con la gente.

Il suo strumento:

Canon 50D.

Lenses are:

50mm Prime

17-40mm Wide Angle

10-17mm Fisheye

75-300mm Zoom.

430EX II Speedlight.

[Grazie a Susanna]

TEST